tempo  perso©i n t e r n o53

 

Io ero piccola, ero in prima elementare credo. Mi mancavano i cartoni animati, c,era sempre il TG ovunque… Lo feci presente in casa e mia zia mi spiegò la gravità dell’accaduto. Ingenuamente risposi
Vabbè ma dopo il funerale posso vedere i cartoni?
Nel momento in cui lo dissi ebbi la sensazione che quel momento sarebbe rimasto in me per sempre. E è proprio così. Eravamo a tavola, ora di pranzo e perfino l odore della cucina ricordo.

 

Uccisione di Aldo Moro

Annunci

cof

 

Tutti hanno le stesse possibilità. Indipendentemente dal ceto sociale, dal colore della pelle, dalla cultura…

Tutti possono, se vogliono, arrivare in alto, realizzare i propri sogni e le proprie ambizioni. Lo stato americano da questa possibilità senza precludere a nessuno l, opportunità di provarci. E riprovarci,  e riprovarci ancora.  Vedi Trump.

In linea di massima è giusto. Condivido questo pensiero ma noi siamo italiani. Che c,entra? Eccome se c,entra. Siamo quelli che a differenza degli americani nn paghiamo le tasse impunemente e soprattutto ce ne vantiamo. Siamo quelli che se sbagli una volta hai sbagliato per sempre, collimando con l, opportunità del Sogno. Siamo quelli che paradossalmente ci piace perdere, tirarci la zappa sui piedi, dei piagnoni in preda al vittimismo, siamo quelli che prima di risolvere un problema, smesso di piangere si prendono un caffè.

Ora io nn elogio gli americani, gli ho sempre trovati troppo.

Troppo grassi , troppo fanfaroni, troppo cacofonico, troppo esagerati, troppo idioti però credono nel loro sogno e ammazzerebbero pur di aiutarti a realizzarlo.

Riflettete un attimo.

Icinque stelle sembrano perseguire il sogno americano, sono persone qualunque, non politici di professione, gente che ha lavorato nei più diversi campi, cambiando anche spesso lavoro, gente che si è arrabattata nella vita per arrivare a fine mese cercando di cambiare le cose. Gente che ora siede su una poltrona di velluto, guadagna 15mila€ al mese, veste firmato, sbaglia congiuntivi è non ha una formazione culturale adeguata per capire le finanze e le esigenze del paese.

Riflettete un attimo.

Siamo sicuri di volere il sogno americano? Siamo sicuri di essere in grado di gestire le nostre ambizioni?

 

 

.

 

 

  • IMG_20171129_103025_474.jpgNn è una guerra tra i poveri !

    Da una parte i cittadini preoccupati e confusi da politici marciscenti navigatori di onde mediatiche e dall,altra i migranti, gli “altri”.
    I diversamente residenti, come ci piace da anni a questa parte definire chi ha disabilità di ogni sorta. Il politicallycorrect. Come se cieco o sordo o zoppo fosse un offesa, così da oggi i migranti li voglio chiamare diversamente residenti. Siamo poveri tutti ognuno a suo modo, c,è chi nn arriva a fine mese ma ha la casa, c,è chi ha uno stipendio ma nn può permettersi una macchina, c,è chi la macchina e sta in affitto e nn ha soldi per mangiare e c,è chi nn ha nulla. Né casa né stipendio né auto. Praticamente un tetraplegico sociale

 

 

 

 

.

 

Di geni ce né uno solo in famiglia, cosi si dice ma essere la sorella di un genio non è assolutamente da sottovalutare. Messa continuamente a confronto con le capacità straordinarie o essere sminuita per le normo capacità intellettive e rimanere calma, flemmatica, tranquillamente sicura di se stessa diventa un,impresa olimpica senza il riconoscimento medagliato dovuto.

Per il mondo intero e per la tua famiglia anche allargata, sarai sempre la sorella di… senza quasi un nome annaspi nell,aria che respiri faticosamente. L,orgoglio che provi per il genio di tuo fratello è inespresso, taciturno, sommesso nell,entusiasmo altrui, mai invidia ma consapevolezza della sua geniale nascita fortunata e nella rassicurazione che lui, il genio, sarà sempre tuo fratello e io sua sorella figlia unica.

un uomo

foto di serenabelfiore

 

Pietrasanta ha iniziato 15 anni fa a perdere la sua anima. Quando ha iniziato ad essere amministrata da chi vedeva solo la possibilità di sfruttare i nomi vip che venivano qui per stare tranquilli e godersi la vita normale di tutti i giorni, senza sfarzo ma con il lusso di essere uno di noi, senza  riconoscimenti. Tra arte, bellezza, gentilezza, polvere di marmo, quartino di vino e chiacchiere.
Chi ha voluto solo sfarzo ha fatto appassire l,anima di pietrasanta, incartapecorita nella volgarità dell,apparenza senza sostanza, intorpidita  e assonnata.
Prima ogni angolo era una meta, ricco di personalità, di interessante culturale fatto di storie umane vere, vissute, raccontate.
Ogni angolo era casa. In ogni lingua parlata.

Era tutto più vivace, interessante, fresco, genuino e nn per i petardi della Selina che comunque hanno divertito generazioni ma perché era amministrata da chi sapeva accendere le serate, riempire il centro anche nei pomeriggi assolati di luglio, sotto il sole.  Valeva la pena sudare per esserci, presenti agli incontri, alle mostre degne di chiamarsi Arte, insieme al vero lavoro per creare opere da esporre. Pietrasanta brillava di luce propria e non di quella dei faretti personali puntati sull’egoismo del singolo!

Che questo fosse un film si intitolerebbe Era Pietrasanta…

 

 

.

 

 

cof

 

A vedere le percentuali di affluenza ai seggi direi sono andati a votare solo i parenti dei candidati.

Siamo realisti.

La politica non è più una res publica.

Il Matteino ormai è tornato quel ragazzetto fiorentino da portare “pèicculo” la sera dopo cena in estate. Solo più vecchio.

“un bischero” al quale fare dispetti, scherzi, presedigiro. Uno da torturare alla toscana come un personaggio di  Pieraccioni.

Su Twitter a scritto “il PD è salvo”

Da vero fiorentinaccio sa come prendere pèicculo !

 

 

 

Sorgente: #StopCETA – Adotta un senatore!

images-9

a mollo

Sono quattro anni che retwitto i vecchi post o articoli.

In questi anni sono diventata mamma, sono diventata ansiosa, sono diventata stanca cronica, sono invecchiata.

Ma ho anche imparato… a crescere insieme, a stare calma, a cucinare.

Ho imparato le sigle dei catoons, i personaggi della pow patrol, a dipingere su stoffa per recuperare le macchie indelebili, il giardinaggio, la cartapesta.

Ho imparato a girare per tutto il lettone dormendo… ora devo reimparare a scrivere, perché come tutti gli esercizi anche la scrittura va coltivata. Come un giardino. Il mio.

Son tornata e sempre spudorata.

spudorata-mente

Di direttori editoriali che sbavano per le foto in costume…

Di vessazioni e mobbing…

Di articolisti infingardi…

Di vicini stronzi…

Di gatti che pisciano nei vasi facendo morire le piantine…

Di bollette troppo care…

Di intestini pigri…

Di non arrivare a fine mese…

Di corrotti…

Di politici furbetti che guadagnano mila e mila € …

Di pacchi bomba…

Di scontrini non emessi…

Di falsi poveri e falsi invalidi…

Di mani mosce quando le stringi…

Di culi sudici su poltrone poco Onorevoli…

Di sindaci e sindacati compiacenti…

Di stipendi dimezzati senza privilegi…

Di code alla posta…

Di letterine e conigliette a culo all’aria…

Di auto blu per famiglie in vacanza…

Di escort …

Di pagare il canone…

Di APP per tutto…

Di commenti indigesti…

Di quelli inutili…

Di sesso fatto male…

Di idioti sempre accesi… non si scaricano mai!

Di sensi unici e svolte a destra…

Di rotonde con orrende sculture……

View original post 30 altre parole

Beni Culturali 3.0

Promuovere Tutelare Valorizzare

CaneCattivo

belle scritture, brutte persone

Expost

Digital Culture

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Prototipo di un fallito

Perché anche tra falliti correrei il rischio di non rispecchiarmi appieno.

Pensieri Passanti

Cerco! .. a volte mi trovo...a volte mi perdo!

Teatro Oplà

teatro arte intercultura

brillamenti

Just another WordPress.com site

wordpress\'s Blog

Just another WordPress.com weblog